Autopalpazione seno come prevenzione tumore al seno.

Autopalpazione seno come prevenzione tumore al seno.

Autopalpazione seno: cosa è, come si esegue e quando si fa

L’autopalpazione seno è una pratica semplice ed utilissima che può essere fatta dalla donna in totale autonomia, senza ausilio di strumenti tecnici, né di personale specifico. L’autopalpazione del seno infatti è un massaggio che serve a valutare e a riconoscere anomalie dubbie o sospette, come un nodulo al seno, e a capire se ci sono sintomi di un possibile tumore al seno. Ovviamente questo non rappresenta un esame diagnostico, ma semplicemente una buona norma di controllo preventivo, durante il quale, se si riscontrano anomalie o si dovesse notare qualcosa di strano, va sempre contattato il proprio medico di fiducia o programmato comunque un approfondimento con uno specialista.

Hai mai fatto una autopalpazione del seno? Segui i nostri semplici consigli

 

Autopalpazione seno: quando farla?

Una prima domanda che potrebbe venirti in mente è proprio questa. La cosa giusta dopo i 40 anni sarebbe farla ogni mese e tutti i mesi, ma questo intervallo può dilatarsi fino anche ad eseguire l’autopalpazione del seno una volta ogni due o tre mesi, ma non oltre. L’ideale è fare l’auto esame quando il seno è morbidoovvero dopo almeno due o tre giorni dalla fine del ciclo mestruale.

Autopalpazione seno: perché si fa?

In primo luogo serve a conoscere l’anatomia, la consistenza e le particolarità delle proprie mammelle. Senza questo passaggio, infatti, sarebbe difficilissimo capire eventuali modifiche o anomalie, o semplici cambiamenti. Durante questa pratica sarà più facile individuare eventualmente noduli al seno, cisti, adenomi, rigonfiamenti e perdite. In questo caso sarà necessario tenere le suddette anomalie sotto controllo sin da subito. E poi, ovviamente, rivolgersi ad un medico per un approfondimento.

Non dobbiamo vivere l’autopalpazione con ansia, ma semmai come una opportunità per tutelare meglio la nostra salute e come prevenzione per una diagnosi precoce, cosa che fa una bella differenza soprattutto in fatto di tumore al seno.

Autopalpazione seno: come si fa?

Questa è la domanda più comune. In realtà l’esame è semplicissimo.

  • Mettiti davanti uno specchio abbastanza grande e con buona illuminazione. Osserva con attenzione il tuo busto.
  • Nota se ci sono cambiamenti nelle dimensioni o nelle simmetrie delle mammelle.
  • Sporgi il busto in avanti, o fai delle leggere rotazioni, per osservare ogni dislivello dei tessuti.
  • Alza e abbassa le braccia in avanti, osservando il contorno dei seni per cercare di valutare se si rintracciano deformazioni o irregolarità localizzate.

 

Dopo la visita oculare si passa alla autopalpazione vera e propria.

  • Stenditi sulla schiena e utilizza un cuscino per appoggiare le spalle.
  • Piega il braccio sinistro sotto la nuca e appoggia la mano destra sul seno sinistro e fai dei piccolissimi movimenti circolari. In questa maniera potrai fare roteare il seno in entrambi i lati e assicurandosi di passare la mano su tutta la superficie, senza premere, utilizzando anche le dita per rilevare anomalie o indurimenti o rigonfiamenti o infossamentiEsegui la stessa operazione sul seno destro e con la stessa modalità, piegando il braccio destro sotto la nuca e ponendo la mano sinistra sul seno destro. Prova anche questa operazione, stendondoti prima su di un fianco e poi sull’altro, così da avere la certezza di ispezionare bene ogni lato dei seni.
  • Ispeziona anche i capezzoli, stringendoli delicatamente tra le dita e verificando eventuali fuoriuscite di liquidi come siero o sangue.
  • È importante anche controllare l’arcata ascellare, esaminando eventuali cambiamenti di volume o altre anomalie di tessuto.

 

Qualora l’autopalpazione del seno dovesse riscontrare qualsiasi anomalia, è bene informare il proprio medico che procederà ad indicare una indagine opportuna come ad esempio una visita senologica o una ecografia al seno.

Per qualsiasi approfondimento diagnostico senologico, contattaci e prenota le tue visite e le indagini strumentali da Poliambulatorio La Lia o approfondisci tutti gli ambiti della prevenzione salute nche sulla nostra pagina facebook. Ti aspettiamo

Nessun Commento

Scrivi un commento